New challenges for the fashion industry

L’industria della moda, con il suo grande impatto, è guardata con attenzione. Nella Risoluzione del Parlamento europeo del 10 febbraio 2021, che approva il Nuovo piano d’azione per l’economia circolare, una parte specifica è dedicata all’importanza di una nuova strategia globale dell’UE sulla catena di valore del tessile, al fine di promuovere sostenibilità, circolarità, tracciabilità e trasparenza del settore tessile e dell’abbigliamento. In considerazione della dimensione del fast fashion, si richiede alla Commissione di lavorare a un insieme coerente di strumenti politici e norme stringenti, e di sostenere nuovi modelli commerciali per affrontare l’intera gamma di impatti ambientali e sociali lungo tutta la catena del valore e migliorare la progettazione del settore attraverso una combinazione di requisiti di progettazione ecocompatibile, regimi di responsabilità di chi produce e sistemi di etichettatura. Il Parlamento, inoltre, conferisce priorità alla prevenzione e alla sostenibilità dei rifiuti, alla riutilizzabilità e alla riparabilità, nonché al contrasto all’utilizzo di sostanze chimiche pericolose e dannose, in linea con il “principio delle 3 R” (riduzione, riuso e riciclo).

Questi principi sono stati ripresi nella Strategia Europea per il Tessile Sostenibile, documento pubblicato nell’Aprile 2022, che si pone diversi obiettivi: “Entro il 2030 i prodotti tessili immessi sul mercato dell’UE saranno longevi e riciclabili, realizzati in grande parte con fibre riciclate, privi di sostanze pericolose e prodotti nel rispetto dei diritti sociali e dell’ambiente. I consumatori beneficeranno più a lungo di un’alta qualità a prezzi accessibili, il fast fashion è fuori moda e il riutilizzo e la riparazione economicamente vantaggiosi per tutti. In un settore tessile competitivo, resiliente e innovativo, i produttori si assumono la responsabilità dei loro prodotti lungo la catena del valore, anche quando diventano rifiuti (extended producers responsibility). L’ecosistema tessile circolare sarà fiorente, guidato da capacità sufficienti per un innovativo riciclaggio da fibra a fibra, mentre l’incenerimento e il conferimento in discarica dei tessuti sono ridotti al minimo”.

Il Corso di formazione “NEW CHALLENGES FOR THE FASHION INDUSTRY: SUSTAINABILITY, CIRCULAR ECONOMY, AND CORPORATE RESPONSIBILITY” intende fornire gli strumenti necessari per comprendere i cambiamenti in atto, fornendo una visione integrata delle sfide e delle opportunità che si stanno delineando nel settore moda e che caratterizzeranno i trend futuri.


→ Maggiori informazioni sul corso