Precisazione su articolo corriere.it

30 Luglio 2020
Oggetto: Precisazioni e rettifica all’articolo “Laurea: se la prendi all’università telematica è più facile e vale uguale” di Milena Gabanelli e Adele Grossi, pubblicato in data 29 luglio u.s. sull’edizione on line del “Corriere della Sera”

Egregio Direttore,

in riferimento all’articolo “Laurea: se la prendi all’università telematica è più facile e vale uguale” di Milena Gabanelli e Adele Grossi, pubblicato in data 28 luglio u.s., ore 23.06, su www.corriere.it, si chiede di dare adeguata evidenza alle seguenti precisazioni e rettifiche di affermazioni altrimenti lesive della reputazione e dell’immagine dell’Università degli studi di Roma Unitelma Sapienza:

  • tutte le criticità rilevate dall’ANVUR, nel rapporto “Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio” concernente Unitelma Sapienza (31.5.2016), sono state ritenute “superate” dal Consiglio Direttivo dell’ANVUR con Delibera n. 99 del 18.6.2020, che ha pertanto «proposto al MIUR di portare il giudizio di accreditamento dell’Università e dei Corsi di Studio attivi al Livello “C-TEL” – “SODDISFACENTE”»;
  • secondo i dati MIUR più recenti (“Scheda Indicatori di Ateneo – 27.06.2020”), il rapporto tra docenti strutturati e studenti dei vari Corsi di Studio di Unitelma Sapienza è di 1 docente ogni 52,3 studenti: un rapporto dieci volte superiore a quello indicato nell’articolo per le telematiche; in più, in Unitelma Sapienza il 94,3% dei docenti di riferimento dei Corsi di Studio sono di ruolo, mentre nelle Università “tradizionali” il rapporto è del 93,77%;
  • ai docenti in servizio presso Unitelma Sapienza (al pari di qualsiasi altra Università) si applica la disciplina nazionale sul reclutamento dei professori di I e II fascia e dei ricercatori.

Merita altresì segnalare che il corpo docente strutturato di Unitelma Sapienza persegue da anni l’eccellenza nella ricerca scientifica, che è stata ampiamente finanziata grazie all’acquisizione di fondi europei e nazionali e alla destinazione del 2,5% degli introiti dell’Università. La qualità della ricerca nell’Ateneo è attestata anche dai risultati della “VQR” 2011-2014 ad opera dell’ANVUR: primo posto nei settori del diritto e dell’economia rispetto agli Atenei telematici; posizionamento positivo anche nella graduatoria complessiva di tutte le Università, con particolare riferimento all’area giuridica.

Sia consentito, infine, replicare ad alcuni luoghi comuni, intrinsecamente diffamatori ove riferiti alle Università telematiche in quanto tali. In Unitelma Sapienza, Ateneo telematico non statale collegato alla più grande Università statale europea (Sapienza Università di Roma), il conseguimento della laurea non è affatto “più facile”, se con ciò si intende alludere ad un minor rigore nel verificare la preparazione degli studenti. Piuttosto, a fronte di finanziamenti pubblici esigui e di quote di iscrizione contenute, l’Ateneo coltiva un approccio orientato al pieno soddisfacimento dei bisogni dello studente (lavoratore o non).

In questa prospettiva andrebbe considerato il sistema della formazione universitaria in modalità e-learning: come un’opportunità di crescita del Sistema Paese, senza cedere a semplicistiche generalizzazioni o inaccettabili discriminazioni.

Il Magnifico Rettore di Unitelma Sapienza

Prof. Antonello Folco Biagini