People-to-People (P2P)

10 Gennaio 2022

Il Centro Interdipartimentale CEMAS di Sapienza Università di Roma e il Centro Studi Geopolitica.info in collaborazione con UnitelmaSapienza, su incarico del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, presentano "People-to-People (P2P): La dimensione socio-economica e culturale degli Accordi di Abramo”, progetto di ricerca che si articolerà anche attraverso una serie di interviste ad autorevoli esperti.

Gli Stati Uniti e gli Accordi di Abramo, la complessa politica mediorientale, cosa è cambiato dall’amministrazione Trump a quella democratica di Biden? Il sostegno di Washington ai propri alleati storici nella regione come Israele e le implicazioni per l’Italia e l’Europa. Di questo e molto altro ne discuteremo con esperti dell’area.

Icona: mappamondo

I presenti articoli/interviste sono stati sviluppati nell'ambito del progetto "People-to-People: La dimensione socio-economica e culturale degli Accordi di Abramo" realizzato dal Centro Studi Geopolitica.info con il sostegno dell’Unità di Analisi, Programmazione, Statistica e Documentazione Storica del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionali.

Le opinioni contenute negli articoli/interviste sono da riferire ai singoli autori e non riflettono necessariamente quelle dei curatori o del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Gli Stati Uniti, e in particolare l’allora amministrazione Trump, sono stati i principali promotori di questi accordi. Come leggere l’approccio dell’amministrazione Biden? Per l’Italia e l’Europa che tipo di implicazioni stanno emergendo dalla firma degli Accordi di Abramo? Come hanno percepito gli Accordi alcuni degli attori dell'area come Turchia e Iran? Alla luce del colpo di Stato in Sudan che tipo di ripercussioni ci saranno in seno al coinvolgimento del Paese africano? Ne abbiamo parlato con Federico Donelli, Post-Doc Research Fellow, University of Genoa. 

Gli accordi di Abramo sono un prodotto della politica mediorientale dell’Amministrazione Trump. Come si inseriscono gli accordi di Abramo nella politica mediorientale dell’attuale amministrazione americana? In che modo l’amministrazione Biden intende bilanciare il sostegno ai suoi storici alleati, come Israele, alla volontà di raggiungere un nuovo accordo sul nucleare con l’Iran? Quali scenari per l’Italia e l’Europa dalla firma degli accordi di Abramo? Ne abbiamo parlato con Viviana Mazza, giornalista de Il Corriere della Sera

Le ragioni principali che hanno spinto i Paesi firmatari degli accordi di Abramo a normalizzare le relazioni diplomatiche con Israele e il contesto della politica americana di Donald Trump entro il quale sono stati promossi gli accordi. La politica mediorientale dell’attuale amministrazione Biden e le implicazioni per l’Italia e l’Europa. Ne abbiamo parlato con Alan Friedman, giornalista e scrittore statunitense.

Come si inseriscono gli accordi di Abramo nella politica mediorientale dell'attuale amministrazione americana? I negoziati di Vienna sul nucleare iraniano e le prime frizioni tra il governo israeliano guidato da Bennett e l’amministrazione Biden, sulla possibilità di concordare un Piano B nel caso di un fallimento dei negoziati. E ancora, la prima visita di un Primo ministro israeliano, Naftali Bennett, negli Emirati Arabi Uniti, Abu Dhabi e la cooperazione con lo Stato ebraico. Come si inserisce l’Italia nell’ambito del “Mediterraneo allargato” e l’Europa che ruolo gioca? Ne abbiamo discusso con Maria Luisa Rossi-Hawkins, corrispondente Mediaset negli Stati Uniti, in diretta da New York.