L’impatto ambientale dei diversi tipi di mascherine, lo studio sulla rivista Nature

14 Aprile 2022

Qual è l’impatto ambientale delle mascherine chirurgiche?

A rispondere a questa domanda arriva un recente articolo scientifico pubblicato sulla rivista Scientific Reports di Nature e intitolato Reconciling human health with the environment while struggling against the COVID19 pandemic through improved face mask ecodesign, a cura di Piergiuseppe Morone  Gülşah Yilan ed Enrica Imbert di UnitelmaSapienza, e Leonardo Becchetti di Roma Tor Vergata.

Lo studio effettuato mira a far luce sull’impatto ambientale delle mascherine monouso rispetto a quelle riutilizzabili attraverso una valutazione comparativa del ciclo di vita con un sistema cradle-to-grave.

È stata adottata un’analisi a due livelli utilizzando il metodo ReCiPe (H). I risultati hanno mostrato che le mascherine riutilizzabili hanno creato un minore impatto ambientale per la maggior parte delle categorie di impatto ambientale considerate.

principali impatti ambientali associati all'utilizzo di mascherine monouso sono legati al consumo di materie prime, al fabbisogno energetico e allo smaltimento dei rifiuti, mentre la fase d’uso è maggiormente responsabile per l’impatto ambientale delle mascherine riutilizzabili. I risultati infatti hanno mostrato come il minor impatto ambientale delle mascherine riutilizzabili dipenda fortemente da come queste vengono lavate, evidenziando come il lavaggio a mano possa abbattere sensibilmente gli effetti positivi sull’ambiente delle mascherine riutilizzabili, a causa dell’eccessivo consumo d’acqua.

Questo risultato evidenzia due cose: la prima è che esistono sempre dei trade-off quando si studia la sostenibilità dei prodotti e non sempre le scelte apparentemente meno impattanti lo sono effettivamente; la seconda è che per abbattere l’impatto sull’ambiente si devono combinare produzioni meno impattanti (mascherine riutilizzabili vs. mascherine monouso) a pratiche di consumo corrette (lavaggio in lavatrice vs. lavaggio a mano).

È emersa anche la necessità di ripensare alle mascherine monouso migliorandone l’ecodesign: utilizzare materie prime più sostenibili e progettare migliori scenari di smaltimento dei rifiuti potrebbe ridurne significativamente l’impatto ambientale.