Games for Change series

14 Maggio 2021

Le dinamiche del “gioco” possono essere utilizzate per educare, apprendere, intrattenere. È proprio sulla base di queste dinamiche che si sviluppa la cosiddetta ‘Gamification’, ovvero l’applicazione di meccaniche tipiche del gioco a contesti non ludici. Anche in ambiti inaspettati come quello artistico l’applicazione del gaming ha dato vita a nuove forme di coinvolgimento ed espressione ed è riconosciuto come uno dei più potenti strumenti attualmente disponibili per la grande capacità di interazione e condivisione con l’utente/spettatore. Molte opere d’arte che si servono del gaming sono le protagoniste di numerose mostre in alcuni tra i più prestigiosi musei del mondo.

Il Gaming è dunque  ormai uno strumento utile per dar vita ad un processo partecipativo ed emozionale all’interno dell’esperienza di gioco, applicabile in ambiti diversi. Quali sono le nuove frontiere del Gaming e in quali ambiti si sta sviluppando?  

VRE, in collaborazione con l’Ambasciata degli Stati Uniti d'America in Italia ha elaborato una proposta progettuale aperta che prevede nel tempo la realizzazione di diverse iniziative volte all’analisi dell’impatto delle nuove tecnologie e dei nuovi linguaggi nella società e nel modo di vivere e percepire contemporaneo e futuro.

Il progetto si traduce in una serie di webseminar che si propongono di esplorare gli aspetti culturali, sociali e teorici del Gaming focalizzandosi sulla sua migrazione nel mondo delle arti e della cultura. 

Proveremo a superare la percezione comune del Gaming come fenomeno limitato all’ambito dell'intrattenimento ludico per esplorare le sue potenzialità in ambiti diversi: dalle Arti, all'educational, alla Valorizzazione del Patrimonio artistico e culturale.

Gli incontri si svolgeranno sulla piattaforma Webex di UnitelmaSapienza e saranno ad accesso libero; gli interessati potranno collegarsi tramite i link che verranno predisposti per i singoli Talk, inserendo il proprio nome, cognome e indirizzo mail. 

 

Per info: vrexperiencerome@gmail.com

1st Talk - Gaming, XR art, digital museums and galleries

Data: Venerdì 12 Marzo | 16.30 - 17.30 

Speakers:

Christiane Paul - Director / Chief Curator, SJDC, The New School & Adjunct Curator of Digital Art, Whitney Museum of American Art

Antonella Poce - Full Professor - head of the Intellect Centre (Unimore) - Chair of the postgraduate course:  Heritage Education and Digital Technologies  (Unimore); Scientific coordinator: Studi Avanzati di educazione museale; Didattica museale geneale (UniRomaTRE)

Modera:

Gaetano Tieri - Phd in Cognitive Social and Affective Neuroscience; Department of Psychology, University of Rome La Sapienza, Italy, Head of Virtual Reality Lab Unitelma Sapienza, IRCCS Fondazione Santa Lucia, Rome, Italy

2nd Talk - Games for Change

Data: Venerdì 16 Aprile | 16.30 - 17.30 

Speakers:

Susanna Pollack - President at Games for Change  

Elisabetta Modena - Postdoctoral Fellow presso Dipartimento di Filosofia - Università degli Studi di Milano

Aprono i lavori:

Antonella Poce -  Full Professor - head of the Intellect Centre (Unimore) - Chair of the post graduate course:  Heritage Education and Digital Technologies  (Unimore); Scientific coordinator: Studi Avanzati di educazione museale; Didattica museale geneale (UniRomaTRE)

Modera:

Gaetano Tieri - Phd in Cognitive Social and Affective Neuroscience; Department of Psychology, University of Rome La Sapienza, Italy, Head of Virtual Reality Lab Unitelma Sapienza, IRCCS Fondazione Santa Lucia, Rome, Italy 

3rd Talk - Gaming as innovative storytelling

Data: Venerdì 14 Maggio | 17.00 - 18.00

Speakers:

Alton Glass, Co-Creator of The MARCH, a virtual reality experience of the 1963 March on Washington.

Glass is an award-winning Filmmaker, Immersive Designer, & Creative Entrepreneur specializing in creating authentic & meaningful experiences through his storytelling.

Modera:

Viviana Mazza - Journalist - Corriere della Sera

Aprono i lavori:

Antonella Poce -  Full Professor - head of the Intellect Centre (Unimore) - Chair of the postgraduate course:  Heritage Education and Digital Technologies  (Unimore); Scientific coordinator: Studi Avanzati di educazione museale; Didattica museale geneale (UniRomaTRE)