Formazione a distanza. Funziona davvero?

13 Febbraio 2020
Tablet e computer

Le tecnologie digitali hanno apportato tanti cambiamenti nella vita quotidiana di tutti noi, in particolare nelle attività legate alla comunicazione. Sono nate nuove modalità di comunicazione e di trasmissione delle informazioni. Come molti settori, anche quello dell’istruzione è stato ampiamente coinvolto nella transizione verso nuovi modelli di trasmissione e condivisione del sapere.

L’innovazione tecnologica ha fatto nascere, con l’e-learning, una nuova modalità di insegnamento e di apprendimento, favorendo l’ampliamento dell’offerta formativa e moltiplicando le possibilità di accesso all’istruzione.

Le tecnologie e-learning offrono vantaggi innegabili, come l’accesso ai materiali di studio in qualsiasi orario e da qualsiasi dispositivo. Eppure, alcuni dubbi sull’efficacia di questa modalità di apprendimento sono emersi. Ad esempio, come si esplica il confronto tra studenti? E il rapporto con i docenti?
Anche sotto questo aspetto le tecnologie dell’apprendimento hanno fatto grandi passi avanti.

In Unitelma Sapienza il filo conduttore dell’apprendimento a distanza è l’approccio collaborativo. Lo sanno bene gli studenti iscritti ai corsi di laurea e ai master.

Basandosi sull’approccio collaborativo Unitelma Sapienza propone differenti attività, denominate e-tivity, da svolgere online. L’intento è quello di promuove l'interazione tra le diverse componenti della comunità universitaria (docenti, tutor e studenti), e favorire l’apprendimento a distanza.

Le e-tivity sono opportunità formative, non obbligatorie, grazie alle quali lo studente può consolidare le conoscenze acquisite nello studio individuale e agevolare la preparazione dell'esame di profitto. Tra le diverse e-tivity che gli studenti troveranno durante il loro percorso formativo sulla piattaforma e-learning di Unitelma Sapienza, troviamo:

  • webinar: seminari online su specifici temi
  • forum domanda/risposta: per richiedere allo studente la soluzione a una situazione problematica, attivando le conoscenze acquisite in un’attività di problem solving;
  • gruppi di lavoro tematici: attività collaborativa centrata sulla realizzazione di un progetto e sull'interazione tra studenti, che consente di mettere in pratica le conoscenze acquisite;
  • forum-dibattito: attività di peer learning (apprendimento mutuato) centrata sul confronto tra studenti in modalità asincrona, attraverso discussioni (thread) incentrate su un singolo argomento, aperte spontaneamente dagli studenti;
  • glossario: attività collaborativa tra studenti sull'individuazione e definizione di lemmi specialistici;
  • wiki: produzione condivisa di elaborati;
  • test di autovalutazione: quiz, a risposta multipla o aperta, per testare il grado di preparazione intermedia dello studente.

Fai la scelta giusta per il tuo futuro: entra a far parte della grande comunità di studenti di Unitelma Sapienza!