Avviare un'impresa: da dove iniziare?

08 Aprile 2021

In un mondo lavorativo in continua trasformazione, avviare un'impresa presenta rischi, ma anche opportunità: dall'idea imprenditoriale alla sua realizzazione, occorre pianificare obiettivi e risorse. Da dove iniziare quindi per avviare un'impresa? Quali incentivi esistono per l'autoimprenditorialità? E' possibile acquisire le basi per diventare imprenditori di successo?

Avviare una nuova impresa: pro e contro

Tra rischi e opportunità, avviare una nuova impresa presenta pro e contro.
A favore dell'avvio di una nuova impresa c'è sicuramente il desiderio di mettersi in gioco, utilizzando conoscenze e competenze già acquisite. La libertà nelle decisioni è sicuramente uno degli aspetti più interessanti per chi sceglie di avviare un'attività autonoma: dall'organizzazione del lavoro all'ubicazione della propria impresa, dagli obiettivi alla tipologia di beni o servizi che intende offrire, fino alle strategie di marketing.
Di contro, il neo imprenditore può trovarsi davanti ad ostacoli burocratici, o ad imprevisti che possono modificare i suoi piani. In poche parole, oltre agli innegabili vantaggi, l'avvio di un'impresa presenta anche dei rischi.

Autoimprenditorialità: quali incentivi?

Dai contributi a fondo perduto ai finanziamenti agevolati, sono disponibili diversi incentivi per l’autoimprenditorialità. Con il Decreto Ministeriale pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 27 gennaio scorso, il MISE ha introdotto alcune novità riguardanti l'accesso alle agevolazioni.

Il nuovo decreto del MISE ridefinisce la disciplina di attuazione delle misure previste dal decreto legislativo n. 185/2000, finalizzata ad incentivare micro e piccole imprese giovanili o femminili su tutto il territorio nazionale. Le nuove misure, affidate ad Invitalia, riguardano due gruppi di destinatari: le imprese, costituite da non più di 5 anni, e le persone fisiche che intendono avviare un'attività imprenditoriale. In entrambi i casi, i destinatari devono essere a partecipazione, prevalente o totale, di giovani (18-35 anni) o donne.

Imprese e start up: da dove iniziare?

Se si ha un'idea imprenditoriale, è opportuno iniziare da un'analisi di mercato, con l'obiettivo di decidere in quale settore è maggiormente opportuno inserirsi.
Per acquisire le conoscenze e le competenze necessarie ad avviare un'impresa o una start up innovativa, può essere utile iscriversi ad un percorso formativo specifico. UnitelmaSapienza propone un Master online di I livello per apprendere le basi dell'imprenditoria: dal business plan alla conoscenza delle norme societarie per l'avvio di una nuova impresa, dai modelli organizzativi alla gestione delle risorse umane, dal controllo di gestione alla stesura del bilancio, fino alla gestione digitale dell’impresa e alla fase di orientamento.

  • I destinatari del Master universitario di I livello in Creazione e gestione di start up di imprese sono:
  • giovani laureati che intendono specializzarsi nel settore delle start up;
  • giovani senza esperienza imprenditoriale che intendono realizzare una propria attività di impresa;
  • manager d’azienda e professionisti con esperienza e idee innovative che desiderano mettere in pratica avviando una nuova attività imprenditoriale;
  • consulenti di imprese.

Al termine del percorso formativo, della durata complessiva di 1500 ore, tra didattica e studio individuale, verrà rilasciato il Diploma di Master in “Creazione e gestione di start up di imprese”, con l'attribuzione di 60 CFU.