3 maggio, Giornata mondiale della libertà di stampa

03 Maggio 2021

Il 3 maggio si celebra la Giornata mondiale della libertà di stampa, una data per ricordare l'importanza del diritto all'informazione e alla libertà di espressione. Quando questo diritto viene violato, a farne le spese sono i cittadini ma anche, troppo spesso, i giornalisti, che in molti paesi subiscono vessazioni di ogni tipo. 

Perché si celebra la Giornata mondiale della libertà di stampa?

Nel 1993 l'Assemblea generale dell'ONU ha proclamato il 3 maggio Giornata mondiale della libertà di stampa. Lo scopo di questa celebrazione è quello di evidenziare l'importanza della libertà di stampa e ricordare ai governi di tutto il pianeta uno dei loro doveri: sostenere e far rispettare la libertà di parola.

World Press Freedom Day 2021: l'informazione come bene pubblico

Il tema di quest'anno del World Press Freedom Day 2021 è “Information as a public good”, ovvero “l'informazione come bene pubblico”.

Secondo l’organizzazione Reporter senza frontiere, in oltre 130 Paesi nel mondo l’esercizio del giornalismo viene totalmente o parzialmente bloccato. Sono molti i giornalisti che hanno subito arresti o minacce, senza contare il preoccupante aumento della violenza di genere nei confronti delle giornaliste.

“La libertà di stampa è un pilastro delle società democratiche, che possono prosperare solo se i cittadini hanno accesso a informazioni affidabili e fanno le proprie scelte con cognizione di causa”. E' questo l'auspicio dell’Alto rappresentante UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell i Fontelles, intervenuto in occasione della Giornata mondiale della libertà di stampa del 3 maggio.

Giornata mondiale della libertà di stampa: le iniziative in Italia

Come ogni anno, il 3 maggio anche in Italia si celebra la Giornata mondiale della libertà di stampa. Nel nostro paese la situazione non è rosea: ci sono attualmente 20 giornalisti sotto scorta e, nella classifica europea sulla libertà di stampa, l'Italia occupa l'ultimo posto.

Tante le iniziative in Italia per ricordare la Giornata mondiale della stampa, alcune iniziate già nei giorni scorsi. La Federazione Nazionale della Stampa Italiana, dopo la manifestazione di Trento svoltasi il 2 maggio, sarà ricevuta alla Camera dei Deputati. Il Presidente nazionale di FNSI, Beppe Giulietti, consegnerà al Presidente Roberto Fico un ampio dossier: dai giornalisti intercettati dalla Procura di Trapani ai numerosi cronisti minacciati, dalle querele che spesso hanno la funzione di bavaglio al tema dell'equo compenso.

Iniziative sulla libertà di stampa e d'informazione si sono svolte anche in altre città italiane. A Milano, il collettivo artistico PXLs ha realizzato un'opera “calpestabile”, formata da 75.000 pagine di giornale posizionate sul pavimento della Stazione Centrale.